fanfaluch
Dove mangiare

Wine Day, è sempre il tempo di celebrare con queste enoteche

11/06/2024
2 minuti

Il 25 maggio di ogni anno si celebra il Wine Day: ma è sempre il momento di gustare del buon vino, ovviamente bevendo responsabilmente e magari abbinandoci dei piatti che rendono l'esperienza enogastronomica ancora più completa e appagante. Ecco allora gli indirizzi di enoteche, wine bar e ristoranti con vineria da non perdere su TheFork:

Se siete a Torino non perdetevi l'esperienza di Fanfaluch (foto in alto), bistrot con enoteca dalle atmosfere molto chic e romantiche. A Brescia, invece, Delia è un bistrot dalla cucina raffinatamente casalinga, in cui ogni piatto va associato al miglior bicchiere di vino. Morganti 1 Enoteca, a Sesto San Giovanni (Milano), già dal nome proietta in un mondo di proposte enologiche affiancate da ottima cucina soprattutto di pesce. Se invece siete a Modena l'indirizzo che parla già dal nome è Stappiamo, dove cibo, vino e cocktail vanno tutti di pari passo. Doppia proposta in Toscana: Enoteca Fattori (foto sotto) a Empoli arricchisce la sua natura di dispensa di vini con un menù ristretto ma decisamente tradizionale; Svanen a Montalcino (Siena) esalta la zona vinicola per eccellenza con primi tipici, carne sopraffina e sfizi.

Spostiamoci più in giù lungo la penisola: a Orvieto la Cantina Vera si presenta già dalla descrizione come un "eno bistrot", dove dunque la cucina ricercata con influssi regionali è pensata per i giusti abbinamenti alcolici. A Roma la Vineria Beva propone in un luogo elegante ottime bottiglie e sfizi culinari del tutto originali. Se ci trasferiamo a Napoli, invece, ecco la Masseria delle Grazie vi delizierà con bruschettoni, taglieri e mini-porzioni rese ancora più golose dai migliori calici di vino. Poi al Divino Ostuni, nell'omonima località del brindisino, non potete che far cin cin estasiati dal connubio tra piatti tradizionali (le orecchiette tra tutti) e la vasta proposta enologica.

Ma non si può parlare del connubio tra cibo e vino senza citare Signorvino, la catena di locali che vuole celebrare la tradizione enologica italiana (e non solo) rendendola accessibile e variegata, e offrendo luoghi in cui le degustazioni diventano la migliore occasione per gustare piatti, sfizi e aperitivi. D'altronde c'è l'imbarazzo della scelta con tutte le sue sedi: a Milano (Duomo, Via Dante, Navigli, Pasubio, Cascina Merlata, Rozzano, Arese), a Roma (Barberini, Maximo, Castel Romano),  a Torino (via Lagrange, Gugliasco), a Vicolungo, a Firenze, a Bologna, a Brescia, a Curno, a Manerba, Fidenza, a Casalecchio di Reno, a Rimini, a Bolzano e Merano, a Desenzano del Garda, a Segusino (Treviso), a Vicenza, a Cadriano, a Verona (Porta Nuova, Affi, Valpolicella, Vallese).

Click to share
Copy the link