In Svezia c'è il museo dei cibi disgustosi

In Svezia c'è il museo dei cibi disgustosi

È proprio vero che c'è un museo per ogni cosa. E in Svezia, paese in cui le bizzarrie non mancano, ne ha aperto uno che lascerà piuttosto interdetti gli amanti del cibo: si chiama infatti Disgusting Food Museum e il nome non lascia ombra di dubbio. È infatti una collezione dedicata alle pietanze più controverse del mondo. La parola "disgustoso", infatti, è abbastanza scivolosa da usare, perché ciò che è rivoltante per una certa cultura può rappresentare invece un'assoluta delizia per un'altra.

Sta di fatto che nel novembre 2018 a Malmo, una delle città principali della Svezia, ha aperto questo museo dedicato ai cibi disgustosi, o almeno ritenuti tali secondo i criteri degli ideatori, Samuel West (che nel curriculum ha già l'apertura del Museo dei fallimenti) e Andreas Ahrens. Si tratta di un'esposizione di 80 cibi all'impatto difficili da affrontare: "Il disgusto è una delle sei emozioni fondamentali, ma mentre l'emozione è universale, i cibi che troviamo disgustosi non lo sono". L'intento del museo non è assolutamente critico, anzi vuole porre un obiettivo molto importante: "Può il cambiare il nostro concetto di disgusto aiutarci ad adottare cibi più sostenibili a livello ambientale nel futuro?".

https://twitter.com/BuzzFeedNews/status/1060612524058574848

L'idea infatti è che solo la conoscenza più ampia possibile della cultura gastronomica mondiale può aiutarci a capire come far evolvere il nostro gusto e soprattutto la sostenibilità di ciò che mangiamo. Nel frattempo il Disgusting Food Museum propone una carrellata di pietanze che possono sembrare davvero raccapriccianti: si va dal durian, il frutto fra i più puzzolenti del mondo, al surströmming, una pasta di pesce putrido molto popolare in Scandinavia; ma ci sono anche gli smoothie peruviani, le gelatine di carne peruviane e persino il formaggio sardo con i vermi.

Tutto il mondo è paese, insomma, e questo museo vuole proprio farci capire che non c'è luogo della Terra che non produca squisitezza che per altri possono invece sembrare delle assolute schifezze. L'importante è imparare a sfidare i propri preconcetti e aprirsi alla curiosità nei confronti dell'altro. Nel frattempo il Disgusting Food Museum all'inizio del 2019 ha fatto anche un piccolo tour negli Stati Uniti, aprendo uno spazio pop-up a Los Angeles fino allo scorso febbraio.

Foto: Wikipedia