Ristorante Terraforte
Interviste

Cristiano Tomei racconta il ristorante Terraforte, prenotabile su TheFork

18/11/2022
4 minutes

Terraforte, il ristorante della famosa cantina Castello del Terriccio, sorge a Castellina Marittima, in provincia di Pisa, un luogo ricco di natura, prodotti locali e - dice Cristiano Tomei, lo chef che lo anima - pieno di “bellezza”. Tomei del resto è un veterano del mondo della ristorazione italiana e non solo: suo è L'Imbuto, ristorante di Lucca premiato da una stella Michelin, e il suo volto è noto anche al grande pubblico per via della partecipazione a programmi tv come La prova del cuoco e Cuochi d'Italia. Ora con Terraforte, ristorante del Castello del Terriccio, residenza agricola di natura incontaminata e prodotti sopraffini, si è imbarcato in una nuova avventura, tutta prenotabile su TheFork, che ci racconta così.

Il ristorante Terraforte sta per compiere un anno: com’è stata quest’esperienza negli ultimi mesi?

È stata un'esperienza fantastica: questo è un posto speciale, pieno di energie straordinarie, dove si fondono le mie radici più profonde. Perché è vero che io sono nato sul mare ma ho il nonno contadino e sono cresciuto anche tra i boschi dell'Appennino: in poco spazio qui ho concentrato tutto questo. Qui il mare ti illumina, perché è uno specchio che riflette la luce di un sole meraviglioso, e poi ci sono le vigne, le campagne, c'è addirittura un laghetto, e poi l'orto, i boschi. Dico i boschi perché dal piano fino all'interno cambiano in continuazione e influenzano in modo radicale tutte le scelte che ho fatto in cucina in questo anno. Insomma, più ci sto e più mi diverto e la sfida diventa interessante.


Come si differenzia o cos’ha in comune questo nuovo locale con le sue altre esperienze all’Imbuto o al Bauer?

Le cose non nascono mai per caso: il mio locale L'Imbuto è nato in una segheria e questo invece in un'ex falegnameria e quindi c'è questo legame. Io ci credo un po' al fato, che le cose non succedano mai per caso. Poi ogni esperienza è diversa e per questo è anche bello collaborare. E poi, diciamocela tutta, io qui mi sento a casa mia, non mi sento un corpo esterno che passa ogni tanto, perché assomiglia tutto quello che sono io. Qui c'è molta libertà e come diceva il grande Giorgio Gaber "libertà è partecipazione". Cosa vuol dire questo? Beh, è condivisione con tutto lo staff, quindi col proprietario Vittorio e poi Riccardo, Annalisa, Plinio, i nuovi arrivati e quelli che ci hanno lasciato, e poi i ragazzi che lavorano in vigna, in cantina... Qui c'è veramente la bellezza della scoperta, anche dal punto di vista umano.


Anche Terraforte è prenotabile su TheFork: quali sono secondo lei i vantaggi di una piattaforma come questa?

Io non riesco a dire le bugie quindi devo essere sincero: all'inizio ero molto restio alla collaborazione con tutte le piattaforme, non solo con TheFork. Però poi mi sono ricreduto perché TheFork si è rivelato un grande partner collaborativo per i ristoratori. All'Imbuto avevo già visto la differenza: è importante perché è un punto di riferimento che ti tutela anche con il cliente e questa non è una cosa da prendere sottogamba. 


Dopo le sue esperienze televisive com’è cambiato il suo modo di vivere la cucina, o sarebbe meglio dire: com’è cambiato il rapporto dei clienti nei suoi confronti?

Le esperienze televisive sono state arricchenti perché ho imparato in qualche modo a fare un altro mestiere. e poi ti danno l'opportunità di parlare con altre persone che magari, con la mia tipologia di cucina e con la mia idea di ricevere le persone, non avrei mai intercettato. La tv in questo mi ha aiutato molto ma non mi ha cambiato: semmai mi ha arricchito, per esempio in Cuochi d'Italia mostrandomi se ce ne fosse bisogno quanto sia ricca la cucina regionale italiana. Naturalmente sono nati un sacco di piatti e di ispirazioni, perché sarà anche scontato ma in cucina non si smette mai di imparare, non si smette mai di chiedersi perché si fanno certe cose. E la televisione in questo mi ha dato una mano perché mi ha fatto conoscere tante persone che mi hanno spiegato il perché si fanno le cose.

Click to share
Copy the link

Potrebbe interessarti anche

Interviste