8 marzo

8 marzo, una selezione di ristoranti gestiti da Chef donne su TheFork

3 minutes

Arriva l'8 marzo e come sempre viene da interrogarsi su quanto siano davvero diffuse le pari opportunità. Nella Giornata internazionale della Donna, infatti, TheFork ha voluto riflettere sul ruolo fondamentale che le donne svolgono anche nel mondo della ristorazione. Ecco dunque una selezione di indirizzi esclusivi, da prenotare su TheFork, gestiti dalle mani fantasiose e sapienti di top chef donne:

La Capanna di Eraclio, Codigoro (Ferrara)

Segnalato con una stella sulla Guida MICHELIN, La Capanna di Eraclio offre un ambiente familiare e quasi casalingo, ammantato di nostalgia, nel quale gustare ricette tipiche realizzate soprattutto con le prelibatezze locali, quelle del delta del Po, elaborate con cura dalla Chef Maria Grazia Soncini.

Glass Hostaria, Roma

Anche Cristina Bowerman e il suo Glass Hostaria (foto sotto) sono segnalati con una stella della Guida MICHELIN: nel cuore di Trastevere la cucina qui si fa espressione di confine, tra tradizione e innovazione, tra ricette italiane e soluzioni fusion, tra eleganza rassicurante e coraggio sperimentale. Un occhio di riguardo anche per i vegetariani.

Glass Hostaria

Il Falconiere, Cortona (Arezzo)

Immerso in un relais e prima ancora in un’azienda agricola nella campagna di Cortona, Il Falconiere, una stella della Guida MICHELIN, è un ristorante che avvolge con la sua atmosfera rilassata e con la sua cucina tradizionalmente toscana, che la Chef Silvia Regi Baracchi esalta tramite ricette e prodotti rigorosamente locali.

La Perla del Mare, San Vincenzo (Livorno)

La scenografia, ne La Perla del Mare, ristorante livornese segnalato dalla Guida MICHELIN, è già uno degli ingredienti principali, affacciata com’è sulla spiaggia di San Vincenzo con, sullo sfondo, le isole di Capraia e d’Elba. La cucina di Deborah Corsi, poi, è una celebrazione delle ricette di mare reinterpretate con piglio decisamente contemporaneo. 

I Salotti, Chiusi (Siena)

I Salotti a Chiusi è un ristorante dall’ambientazione suggestiva, soprattutto quando d’estate si può cenare nei gazebo esterni. La cucina di Katia Maccari, che ha ricevuto una stella della Guida MICHELIN, è creativa e radicata nei prodotti della stessa azienda agricola. A disposizione anche una cantina storica con oltre tremila etichette.

La Posata Bianca, Abano Terme (Padova)

Ai piedi dei Colli Euganei sorge La Posata Bianca (foto sotto), ristorante dall’ambientazione fascinosa e romantica. La cucina di Mariana Epure mette assieme esperienza e innovazione, puntando a una cucina sia di mare sia di terra che punta ad esaltare i sapori e soprattutto le materie prime selezionatissime.

La Posata bianca

Mamìe, Monza (MB)

Essenziale, elegante, moderno ma anche profondamento legato alle radici familiari, le stesse di quella “nonna” che dà il nome al locale: nel ristorante Mamie la Chef salentina Maria Rosaria Peluso mette a punto una cucina mediterranea e innovativa, con grande attenzione alla convivialità.

Prosit Restaurant, Caselle Torinese (Torino)

Il ristorante Prosit vanta una tradizione più che secolare in territorio torinese, che la Chef Manuela Devietti Goggia ha rinnovato negli ultimi tempi con una formula che fonde la classica cucina piemontese e ligure con la formula delle gourmettine, portate piccole e sfiziose. C’è anche una deliziosa sala da tè.

U Fucularu, Catania

Nel cuore della splendida Catania, U Fucularu è una trattoria a gestione orgogliosamente famigliare, in cui Carmela Grasso offre ai propri ospiti una cucina siciliana doc, dai sapori mediterranei freschissimi, pronti a celebrare gli ingredienti più tipici di questa terra. In menù pasta fresca, piatti di carne e pesce, classici come la caponata o proposte esotiche come il cous cous.
 

Click to share
Copy the link